Lo tsunami d’argento

Lo tsunami d’argento

L’esodo dei baby boomer che invecchiano, non e’ nella agenda del governo gialloverde, ma tutti gli altri paesi stanno correndo ai ripari

Considera l’età della forza lavoro globale ci si rende presto conto di essere nel bel mezzo di un esodo di massa di conoscenze e abilità. I baby boomer, nati tra il 1946 e il 1964, vanno in pensione, mentre la forza lavoro sta invecchiando rapidamente.
Entro il 2050, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) stima che due miliardi di persone avranno 60 anni o più, rispetto ai 900 milioni del 2015. Entro il 2030, l’Asia ospiterà il 60% degli over 65 del mondo.

Una questione che il governo nazional sovranista italiano non tratta

Quando si parla di crescita economica, produttività e margini di profitto, lo “tsunami d’argento” pone una serie complessa di domande a governi e mercato del lavoro.
I governi hanno reagito introducendo incentivi per incoraggiare le persone anziane a rimanere nel mondo del lavoro, insieme ai disincentivi di andarsene. Il governo australiano offre incentivi finanziari ai datori di lavoro per assumere e trattenere persone di età superiore ai 50 anni e ha rimosso alcune barriere alle persone anziane che contribuiscono al loro pensionamento mentre rimangono nel mondo del lavoro.

Entro il 2023, l’età pensionabile australiana sarà salita a 67. Sarà lo stesso negli Stati Uniti entro il 2027. Anche l’aumento dell’età pensionabile e le modifiche ai parametri dei sistemi pensionistici sono state attuate nell’Unione europea (ITALIA POPULISTA ESCLUSA), in Cina, dove un quarto della popolazione dovrebbe avere almeno 60 anni o più entro il 2030, l’età pensionabile rimane tra 50 e 60 anni, a seconda del genere e dell’occupazione.

A Singapore, il governo ha introdotto una politica di reimpiego per incoraggiare le persone a lavorare oltre l’età pensionabile di 62 anni (se sono in grado e vogliono), mentre in Nuova Zelanda, dove è possibile attingere una pensione a 65, il 19,5% dei dipendenti lavorano ancora dagli anni ’70.

In Giappone, il governo ha approvato piani per spostare l’età facoltativa delle pensioni a 71 (da 60 a 70 anni) dopo l’aprile 2020, afferma Fern Ngai, CEO di Community Business, un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene le imprese che hanno un impatto positivo su persone e comunità. Fondato nel 2003 e con sede a Hong Kong, Community Business lavora con aziende di ogni dimensione e di diverse industrie in tutta l’Asia.

Tuttavia, per le imprese il problema è più impegnativo che ipotizzare che i dipendenti più anziani e con esperienza andranno in pensione più tardi. Devono anche considerare cosa succede al momento del pensionamento, quando le conoscenze e le competenze di un lavoratore esperto non possono più essere sfruttate dai dipendenti più giovani.

E cosi’ che il governo ruba il fututo, con un falso regalo, lo dicono tutti gli studiosi di management.

Dorothy Leonard, professore di economia aziendale, emerita, Harvard Business School e co-autrice di Deep Smarts: Come coltivare e trasferire la saggezza aziendale, suggerisce alle aziende di concentrarsi sul ricreare conoscenze tacite, esperienze, aneddoti e soluzioni creative, sul posto di lavoro.

Ad esempio, se un contabile esperto ha intenzione di andare in pensione, l’azienda in cui lavora dovrebbe assegnargli un contabile più giovane con cui lavorare. Leanne Cutcher, docente di management e organizzazione studia all’Università di Sydney Business School, concorda: “Il mentoring esterno è prezioso ma la conoscenza è utile nel contesto.”

Cutcher afferma che i diversi team creano una cultura in cui tutte le conoscenze sono valutate, giovani e meno giovani, così come i valori relativi alla condivisione delle conoscenze.

Approfondimenti tra più esperti e deb, e prospettive spesso viste come tradizionali o conservatrici, possono costituire un importante contrappeso alle prospettive più idealistiche o non testate della coorte odierna di millennial imprenditori.

È interessante notare che negli Stati Uniti oltre il 60 per cento delle aziende attualmente sta riportando al lavoro, pensionati come mentori o consulenti.

Il mentoring salvera’ i paesi che lo attueranno, l’Italia sta facendo solo regali elettorali, lo dicono i fatti.

holyghostpro

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.
Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: