L’anonimato non esiste. Chi e come ti sta seguendo su Internet e cosa puoi fare 2/4

L’anonimato non esiste. Chi e come ti sta seguendo su Internet e cosa puoi fare 2/4

Provider di servizi Internet

Ogni volta che lo usi per accedere alla rete, il tuo provider di servizi Internet o operatore di telefonia mobile fornisce a un dispositivo che si collega alla rete (computer, smartphone, tablet) un indirizzo univoco, un indirizzo IP. Può essere individuale o utilizzato da più dispositivi contemporaneamente. Ma la cosa principale è che è il modo più semplice per mappare l’indirizzo dell’utente del dispositivo sull’indirizzo fisico, i dati del passaporto, i numeri di conto bancario e così via. Tranne quando si utilizza una sorta di connessione Internet pubblica come un punto Wi-Fi in un bar.

Tecnicamente, i provider sono in grado di visualizzare tutto ciò che trasmetti su Internet in forma non crittografata. Ecco perché vale la pena utilizzare i siti con una connessione sicura (https) o inoltre utilizzare i provider VPN. La VPN è un intermediario che fornisce lo stesso accesso a Internet attraverso un canale di comunicazione crittografato per proteggere da “intercettazioni” esterne. È importante non dimenticare che ciò non garantisce l’assoluta invulnerabilità: ti fidi semplicemente dei tuoi dati a un’altra società, spesso di un altro paese. Gli utenti esperti possono organizzare un server VPN per se stessi e diventare il proprio “provider VPN”, che ridurrà alcuni dei rischi. Tuttavia, in questo caso, l’accesso alle comunicazioni aperte sarà già con la società di hosting in cui verrà inserito il server VPN.

Sebbene la crittografia avanzata complichi seriamente il monitoraggio di Internet, l’indirizzo del server viene generalmente trasmesso prima non crittografato: ciò è necessario per scambiare le chiavi e stabilire una connessione sicura. E questo contribuisce anche alla vulnerabilità: per ottenere informazioni sensibili, spesso non è così importante ciò che trasmetti, importa dove o dove. I dati di connessione e le informazioni correlate (“metadati”), se confrontati con altre informazioni disponibili dai tuoi provider, ti permetteranno di imparare molto su di te anche senza accesso ai tuoi dati crittografati.

Immagina che un utente malintenzionato con accesso alla rete del tuo operatore di telefonia mobile vede che lo smartphone è collegato a una torre cellulare nel territorio di uno degli ospedali. Cinque minuti dopo, l’operatore ha registrato che sei andato al sito https del centro oncologico (con crittografia). Un utente malintenzionato non sarà in grado di scoprire con esattezza quali pagine sono state visualizzate su questo sito, ma può con ragionevole certezza supporre di avere un qualche tipo di problema del cancro.

Come combattere? È improbabile che tu possa proteggerti completamente dallo snooping attraverso i provider, ma può essere complicato se usi connessioni crittografate, una VPN, accesso a Internet guest, server proxy (per nascondere il tuo indirizzo IP), anonimizzando la rete Tor e altri servizi simili.

holyghostpro

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.
Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: