Joker e la follia del mondo

Joker e la follia del mondo

E ad un tratto, nelle ultime settimane la gente ha cominciato a dire che la realtà sociale, economica e psicologica di Joker  è stata come un pugno nello stomaco.
Hai voglia di chiedere: dove eravate? Quella realtà distopica, oscura e nichilista è la vita quotidiana di milioni di persone dalla crisi del 2008, con tutte le sue debolezze.
Il film ci fa pensare al mondo dell’illusione, della comunicazione torrenziale (in gran parte falsa), che, invece di generare conoscenza, confonde e incanta, e anche dell’impotenza politica ed economica in cui siamo immersi, con le alternative che stiamo affrontando: populista, non democratico, ultra-destra, o anche peggio.

Ma siamo paralizzati. Un profondo disagio a cui nessuno può attribuire un senso di speranza. Non serve vedere il film. Basta guardare la situazione geopolitica degli ultimi giorni ( Cile , Hong Kong , Spagna ) o il contesto domestico.

Sempre più persone vivono in totale instabilità, disparità salariali, disuguaglianze, dove anche il minimo indispensabile per vivere: salute, istruzione, alloggio, cittadinanza viene messo alla prova.

E cosa facciamo? Costituiamo la realtà, un modo di normalizzare, legittimare e perpetuare le battute d’arresto che vediamo ogni giorno.

Questo è il nostro mondo, mettere in discussione le pratiche dei consumatori, ma mai mettere in discussione l’insieme sistemico. 
Non è di moda. 
È per nascondere la povertà. 
È una merda,

E’ Joker e non ce ne rendiamo nemmeno conto.

holyghostpro

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.
Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: