L’accendiamo?

L’accendiamo?

Non siamo certo ad un tiro di schioppo, ma di Scud si, e gli arsenali della ormai ex Libia, ne hanno a centinaia.

Il 19 dicembre 2003 Gheddafi annuncia di voler eliminare tutti i programmi in essere nelle armi di distruzione di massa (quindi nucleare, aggressivi chimici e settore missilistico) e, per quanto riguarda il settore degli aggressivi chimici, sottoscrive il 5 febbraio del 2004 la Convenzione sulle Armi chimiche.

Nel 2004, in base all’accordo sottoscritto, la Libia dichiara – di sua iniziativa – e pone sotto la verifica dell’OPCW il proprio arsenale chimico nella misura di:

  • 24,7 tonnellate metriche di gas mostarda (iprite- agente vescicante)
  • 1390 tonnellate metriche di precursori chimici
  • 3543 munizioni aeree (non ancora caricate di aggressivi chimici)
  • 3 strutture dedicate alla produzione di aggressivi

Che fine ha fatto Gheddafi lo sappiamo, ma che fine ha fatto l’ arsenale di armi chimiche?

Quindi agenti vescicanti come (l’iprite), precursori per gas nervini (Tabun, Sarin e Soman), e agenti asfissianti (Fosgene, Difosgene, Cloro , Cloropicrina). Che fine hanno fatto? Nelle mani di chi sono?

Anche se l’OPCW si affanna a dire che l’ arsenale è stato distrutto quasi completamente:

Syrian Chemical Destruction DataAs of 9 February 2015
Total AmountAmount DestroyedDestroyed (%)Total Category 1*1,046,981 kg1,046,981 kg100.0%Total Category 2**261,040 kg234,436 kg89.8%Total Chemicals (Cat. 1 and 2)1,308,021 kg1,281,417 kg98.0%* Total amount comprises the quantities of Category 1 chemicals which have been transferred outside of Syria and which have already been destroyed in Syria (isopropanol).Amount destroyed comprises the quantities of Category 1 chemicals destroyed outside Syria (by the commercial facilities and on the Cape Ray) and destroyed in Syria (isopropanol);** Total amount comprises the quantities of Category 2 chemicals transferred outside of Syria.Amount destroyed comprises the quantities of Category 2 chemicals destroyed by the commercial facilities.

Ricordiamo che gli agenti asfissianti (Fosgene, Difosgene, Cloro , Cloropicrina) non rientrano nell’accordo di distruzione.

Non siamo a rischio solo di un velleitario attacco con missili balistici…
Immaginate che succederebbe se un pilota, o dieci piloti, convertiti alla distorta dottrina dell’ ISIS, con i caccia in dotazione alla ex Libia, bombardassero anche con una sola bomba di questi agenti chimici il nostro territorio?

Non è allarmismo, è semplice deduzione logica.

Che fine ha fatto l’ arsenale di armi chimiche libico?

holyghostpro

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: