DANDORA: AI CONFINI DELL’INFERNO

DANDORA: AI CONFINI DELL’INFERNO

Di Gianluca Uda

Dandora, la grande discarica di Nairobi in Kenya, non è solo la più grande pattumiera di tutta l’Africa orientale, ma anche uno dei luoghi più inquinati del mondo.
Luogo gestito da una mafia locale, che permette l’entrata solo a chi rivende a loro, a poco prezzo, i materiali di riciclo.  

Montagne di rifiuti di tutti i tipi, compresi quelli chimici, un flusso di rifiuti – di circa 2000 tonnellate al giorno, che per molti rappresenta la morte ma anche l’unico sostentamento.
Molte sono le malattie, soprattutto quelle polmonari legate alla vicinanza della discarica.

Molti Slum confinanti con la grande discarica, tra tutti quello di korogocho, quasi quotidianamente sono costretti a respirare i fumi provocati dalla combustione dei rifiuti.
Molte mamme che lavorano nella discarica, riciclando plastiche e metalli trasmettono attraverso il loro latte malattie mortali per la propria prole.


Un’inferno che ancora nessuno è riuscito a placare.

Claudio Torbinio

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.