Vivere la peste

Vivere la peste

È possibile che alla fine di tutto ciò, quasi tutti noi conosceremo qualcuno che è morto. Un parente, un amico, un vecchio compagno di classe del liceo.
I nomi appariranno attraverso i social con il passare delle settimane, e tra un anno, Facebook ti ricorderà debitamente il dolore o lo shock che hai provato. I nomi dei malati sembreranno essere scelti a caso, quelli che ti aspettavi e quelli che no, il famoso e l’oscuro, il vile e il virtuoso.
E sentirai la stessa fitta di shock ogni volta che qualcuno che conosci si ammala.

Ti sveglierai ogni mattina e controllerai se hai tosse persistente, mal di testa o senso di oppressione ai polmoni. Questo è vivere la peste: assistere alla malattia e alla morte degli altri, sapendo che anche tu potresti essere il prossimo, anche se ti senti bene.

La sufficienza che usiamo “oh, beh, era un fumatore”; “Era diabetica, lo sai”; “Erano in Cina a gennaio” diventano un più difficili col passare del tempo, i numeri aumentano e la casualità di tutto sprofonda. No, nulla è sotto controllo. E no, non abbiamo il controllo.

E questo ci cambierà.
Deve.

Tutte le piaghe cambiano la società e la cultura, invertendo alcune tendenze e accelerandone altre, spostando la coscienza in lungo e in largo, con conseguenze che non scopriremo per anni o decenni. L’unica cosa che sappiamo delle epidemie è che a un certo punto finiranno. L’unica cosa che non sappiamo è chi saremo allora.

ma

Avete, abbiamo una scelta: sottometterci alla paura, o vivere con il virus e fare ciò che si può. E convivere con esso, combattendolo, è ciò che ti cambia nel tempo; richiede calma e sangue freddo. La peste vivente elimina il superfluo, mette a nudo di chi ti puoi fidare e di chi non puoi, e rivela anche ciò che conta.

E molto conta, fate il vostro diario, io sto facendo il mio.

Per salvare le cose importanti.

Quando la peste sara’ finita.

holyghostpro

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.

Rispondi