Più di 21 milioni di persone sono infette dal virus in tutto il mondo

Più di 21 milioni di persone sono infette dal virus in tutto il mondo

red and black round fruits

L’epidemia si sta diffondendo di nuovo in Corea del Sud e si sta riducendo in Cina

Corea – I centri coreani per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno riferito che la Corea del Sud ha registrato 279 casi di coronavirus emergente, che è il maggior numero di casi dall’inizio di marzo.
Di questi casi, 267 erano casi trasmessi localmente, la maggior parte a Seoul e nelle aree circostanti.
I nuovi casi hanno aumentato il numero totale di casi in Corea del Sud a 15.318, oltre a 305 decessi a partire dalla mezzanotte di sabato e domenica.

21,635,077

In un contesto correlato, una statistica Reuters ha mostrato che più di 21,53 milioni di persone sono state infettate dal virus in tutto il mondo e 769.410 persone sono morte.

210 paesi

Le infezioni sono state registrate in più di 210 paesi e regioni da quando sono stati scoperti i primi casi in Cina nel dicembre 2019.
Gli Stati Uniti sono in cima alla lista, con 161.570 morti, cinque milioni e 380.934 casi.
Il Brasile è secondo, con 107.232 morti, 3 milioni e 317.096 casi.
E l’India è al terzo posto, con 49.036 morti, due milioni e 526.192 infetti.
E la Russia è al quarto posto, registrando 15.617 morti e 917.884 casi.

D’altra parte, i dati della National Health Commission of China oggi, domenica, hanno mostrato che il numero di nuovi casi trasmessi localmente del virus corona emergente è sceso al livello più basso in un mese dopo il calo di un’epidemia nella regione dello Xinjiang, nella Cina occidentale.
Nessun nuovo caso trasmesso localmente è stato registrato il 15 agosto a Shenzhen, nella provincia meridionale del Guangdong, dopo che le autorità locali avevano registrato tre nuovi casi il giorno prima.

Germania e Nuova Zelanda

I dati del Robert Koch Institute for Infectious Diseases hanno indicato oggi, domenica, che in Germania sono stati registrati 625 nuovi casi confermati del coronavirus emergente, portando il numero totale a 223453.

La Nuova Zelanda ha registrato 13 nuovi casi confermati di virus nelle ultime 24 ore, con il continuo aumento del primo focolaio del virus nel paese da mesi.Tutti i casi tranne uno sono stati trasmessi localmente e sembravano essere collegati a una catena a Oakland dove è iniziata l’ultima epidemia, ha detto Ashley Bloomfield, direttore generale della salute, a un briefing con i media a Wellington.I nuovi casi portano il numero di casi attivi in ​​Nuova Zelanda a 69. Dall’inizio dell’anno, la Nuova Zelanda ha registrato 1.271 casi.

Accordo Emirati-Israele sul Corona virus

L’Agenzia di stampa degli Emirati ha riferito che la compagnia nazionale di investimento degli Emirati, APEX, ha firmato un “accordo commerciale strategico” con il gruppo israeliano Terra per la cooperazione nella ricerca e sviluppo relativa alla malattia di Covid-19, compresa la produzione di un dispositivo di prova.L’agenzia ha citato Khalifa Youssef Khoury, presidente del consiglio di amministrazione di Apex, affermando che l’accordo “costituisce la prima attività per aprire il commercio, l’economia e un’efficace partnership tra i settori imprenditoriali degli Emirati e israeliano a beneficio, bene e servizio dell’umanità rafforzando la ricerca e gli studi sul Coronavirus”.L’accordo è stato firmato in una conferenza stampa ad Abu Dhabi e arriva dopo che Israele e gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato giovedì scorso l’accordo sulla piena normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. La dichiarazione congiunta afferma che le delegazioni di Israele e degli Emirati Arabi Uniti si incontreranno nelle prossime settimane per firmare accordi relativi a investimenti, turismo, voli diretti, sicurezza, comunicazioni e altre questioni. 

La Russia inizia a produrre un vaccino nonostante i dubbi

Il ministero della Salute russo ha annunciato di aver iniziato a produrre un vaccino anti-Coronavirus, nonostante i dubbi che deve affrontare, l’ultimo dei quali è del primario del medico respiratorio in Russia, che ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico a causa di quelle che ha definito “gravi violazioni dell’etica medica”, avvenute a seguito della fretta di annunciare Produzione di vaccini.

Il professor Alexander Chokalin si è dimesso dal “Consiglio etico” del ministero della Salute russo dopo aver lanciato un attacco al nuovo vaccino “Sputnik V”, prima che il ministero della Salute russo ne approvasse la registrazione, secondo quanto pubblicato dal quotidiano britannico “Daily Mail”.

Secondo il sito web in lingua spagnola di Business Insider, Chocalin ha cercato di impedire la registrazione del vaccino per motivi di “sicurezza”, ma non lo ha fatto, il che lo ha portato a ritirarsi dal “Consiglio Etico”.

Il presidente del Sudafrica annulla le restrizioni di blocco 

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che tutte le indicazioni indicano che il suo paese ha raggiunto il picco di infezioni da Covid-19, il che ha portato all’annuncio di una completa abolizione delle restrizioni generali di isolamento dell’economia.
Ramaphosa ha affermato in un discorso televisivo che il governo metterà fine al divieto di alcol e tabacco e consentirà a ristoranti e bar di tornare alla normale attività, a condizione che vengano attuate rigorose misure sanitarie e abolito il divieto di circolazione tra le regioni.
Ha aggiunto: “Tutte le rilevazioni indicano che il Sud Africa ha raggiunto il suo picco e ha superato il punto massimo dell’infezione”, spiegando che il governo ha deciso di passare al “secondo livello” delle restrizioni minime, a partire dalla mezzanotte di lunedì.


Claudio Torbinio

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.