Immunologa Viola: “No coprifuoco, piuttosto basta tavolate”  

“La situazione è preoccupante: anche oggi i numeri” dell’epidemia di Covid-19 in Italia “salgono e fanno temere gli aumenti dei ricoveri e delle terapie intensive. Non sul momento, ma per quello che potranno significare nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”. Ciò premesso, l’immunologa dell’università di Padova Antonella Viola ripete che “non siamo nella situazione di marzo e quindi non possiamo applicare lo stesso approccio di allora”.  

In vista del nuovo Dpcm, dunque, l’esperta sentita dall’Adnkronos Salute dice “no all’ipotesi di un coprifuoco perché significherebbe far chiudere bar e ristoranti”. Piuttosto, allora, “basta tavolate: la stessa regola che vale in casa, ossia non più di 6 persone attorno a un tavolo, valga anche per i locali”, propone l’esperta.  

Dobbiamo sì intervenire con una stretta, sostiene Viola, ma relativa a “tutto ciò che si può controllare senza danneggiare l’economia e senza chiudere la scuola”. Servono interventi mirati che permettano al Paese di reggere, è il messaggio della scienziata “assolutamente contraria in questo momento a qualunque forma di lockdown generalizzato”.  

covid 19
Go to Source | Adnkronos | News in tempo reale

Claudio Torbinio

Antropologo informatico, Trauma Nurse, memetista, influencer, blogger, editor e ghostwriter. Studio Management Delle Associazioni Sanitarie. Scrivo testi gratuiti per editori online.