[email protected] +39 347 891 9580

LA DEMOCRAZIA NON PUO ESISTERE?

Lo stupore per i risultati elettorali dei sovranisti: la vittoria di Donald Trump, la scelta della Brexit nel Regno Unito e Jair Bolsonaro in Brasile, hanno causato un torrente di commenti sullo stato della democrazia nel mondo. Alcuni osservatori temono che questi sviluppi non rappresentino semplicemente degli episodi, ma dei precursori di tendenze che travolgeranno le caratteristiche chiave di un buon governo democratico: un sistema giudiziario indipendente le cui decisioni vengono solo applicate; istituzioni come scuole e mezzi di informazione che consentono agli elettori di avere accesso a informazioni accurate e pertinenti; processi elettorali equi; e politiche ragionevoli e dignitose.…

Continua a leggere

Kant chi?

Ci sono due modi per vivere. E uno è senza senso Oltre al valore intrinseco ed estrinseco dell'essere un buon filosofo, cosa rende importante un filosofo? Per esempio, quando ha avuto un'influenza significativa? Quindi, quando un filosofo ha scritto dei testi che ora diciamo aver modellato la sua era, potremmo dire che contava molto. Kant, ad esempio, viveva nel periodo storico a cui ci riferiamo come "l'Età dell'Illuminazione". E, come accadde, il suo saggio "Risposta alla domanda: che cos'è l'Illuminismo?" fu uno dei testi fondamentali di questo periodo cruciale della storia occidentale. In esso, Kant, normalmente noto per l'argomentazione fredda…

Continua a leggere

QUANDO ABBIAMO PERSO LA NOSTRA MORALE?

A Cassino un bimbo è stato strangolato dalla mamma mentre il padre si è limitato a osservare, la colpa del bimbo è stata l’aver interrotto un rapporto sessuale dei genitori. 

A Manduria un uomo è morto nell’indifferenza di un intero paese, che sapeva , tutti sapevano ma dove nessuno è intervenuto. 

A Viterbo una ragazza (una delle tante a onor di cronaca) è stata violentata e dove chi sapeva ha cercato di nascondere il fatto. 

Continua a leggere

Festa della Liberazione: le radici di “Bella Ciao”

Nell'estate del 2008 io e mia moglie viaggiavamo per Toronto,quando sentimmo un busker (Artista di strada) che suonava Bella Ciao per strada. "È una bellissima vecchia canzone partigiana italiana", diceva il musicista, sono troppo giovane per ricordare la Resistenza., ma, l'abbiamo cantata insieme, io in italiano e il busker in inglese. Strano a dirsi, c'è qualche incertezza sulle origini della canzone. Sebbene ci sia un accordo generale sui testi, essi variano leggermente da fonte a fonte. La maggior parte dei musicologi crede che Bella Ciao sia stata adattata da una canzone di lavoro delle mondine, le donne che lavoravano nelle…

Continua a leggere

È il momento di essere creativi!

Elezioni europee 23-26 maggio 2019 Qual è il modo più semplice per promuovere un evento importante? Facile, un poster. È per questo che a meno di 50 giorni dalle elezioni europee del 26 maggio, hai l’opportunità di dimostrare il tuo sostegno al progetto europeo creando il tuo poster personale di “Stavolta voto”. Hai bisogno di ispirazione? Puoi dare un’occhiata ai nostri poster oppure puoi trarre spunto da quelli creati da altri volontari come te! Appendi il tuo poster in un posto visibile dove sai che passano molte persone, ma ricorda di chiedere il permesso se si tratta di uno spazio pubblico…

Continua a leggere

Ciao, Stavolta Voto

Da alcuni mesi stiamo dialogando con voi sulle prossime elezioni, sui problemi dell’Europa e su tutte le opportunità che offre. Abbiamo cominciato a pensarci come una comunità, e a conoscerci personalmente. Ma non è ancora tempo di rilassarsi, anzi è proprio il momento di scaldare i motori per portare sempre più persone alle urne. Ecco qui un paio di idee. A questo link trovi il volunteer toolkit che puoi scaricare e condividere con i tuoi amici. http://www.europarl.europa.eu/downloadcentre/en/european-elections/toolkit Questa settimana ti proponiamo anche una novità: la sfida della bandiera europea! Partecipando troverai alcuni suggerimenti per coinvolgere le persone intorno a te.…

Continua a leggere

I ministri di gabinetto credono che il rischio di un no-deal ora sia ‘molto reale’

I ministri del gabinetto credono che ci sia ora il rischio reale di una Brexit senza accordo, con fonti vicine a loro che descrivono l'umore del governo come deprimente e il 10 di Downing street come "gestito da pazzi". I membri anziani del governo di entrambe le parti della discussione sulla Brexit sono convinti che le possibilità di lasciare il Regno Unito senza un accordo siano sostanzialmente aumentate dopo che il primo ministro si è opposto ad un'estensione più lunga dell'articolo 50. Fonti di un ministro del governo hanno detto che il numero 10 è in "modalità bunker" e il…

Continua a leggere

La rinascita dell’Europa segnerà la fine della fantasmagoria nazionalistica

La cronaca di Guy Verhofstadt L'Europa è come una bicicletta: se non va avanti, cade, diceva Jacques Delors. Con il suo discorso ai popoli europei, pubblicato la scorsa settimana dall'intera stampa dell'UE, Emmanuel Macron si unisce magistralmente alle orme di uno degli ultimi fondatori. L'opinione pubblica non è stata sbagliata e la esorta a una rinascita non ha lasciato nessuno indifferente. All'interno della famiglia centrista del Parlamento, che ospiterà la LREM e il MoDem la prossima settimana a Bruxelles per suggellare la nostra nuova alleanza per l'Europa. Ma il suo messaggio è andato ben oltre, nelle famiglie politiche in competizione…

Continua a leggere

#Brexit e l Esilio, il paradiso dei miliardari britannici

Secondo "The Times", negli ultimi dieci anni circa un terzo dei miliardari britannici ha preferito vivere nei paradisi fiscali. Jim Ratcliffe Di Science History Institute, CC BY-SA 3.0, Collegamento Niente è meglio per i miliardari britannici prima della Brexit. L'annuncio di "esilio" di Sir Jim Ratcliffe a Monaco, il fondatore del gruppo chimico Ineos e uno degli uomini più ricchi del Regno Unito, per risparmiare 4 miliardi di sterline (4,6 miliardi di euro) di tasse, ha scatenato un'indagine sul quotidiano "The Times". La cosa che, in effetti, fa rabbrividire e' che Sir Jim è un sostenitore della Brexit. Ma non…

Continua a leggere
Chiudi il menu